l’attribuzione della qualifica di “NO VAX” costituisce offesa e disprezzo

Il Tribunale Penale di Perugia ha condannato una giornalista de La Repubblica per la diffamazione aggravata commessa in danno di un magistrato definito NO VAX e fatto passare per un giudice parziale e ideologicamente orientato per aver fatto il proprio lavoro decidendo, nel 2021, di reintegrare in servizio una infermiera non vaccinata.

La sentenza
Il dispositivo
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento